Scarica file GPX

Sposta il mouse sopra il profilo altimetrico e il segnaposto correrà lungo il percorso.



Qui sotto trovate le mappe di due possibili varianti di questo itinerario.

In questa prima variante l'accesso avviene da nord dopo aver percorso la splendida pista ciclabile che corre lungo la valle dell'Isonzo da Salcano a Plave (Slovenia). Si sale in quota pedalando su una vecchia strada militare immersa nel bosco. Poco prima di raggiungere la strada asfaltata che porta al rifugio sloveno sotto la cima del Sabotino si imbocca a sinistra una sterrata che attraversa meravigliosi pascoli, tocca da vicino un rifugio e si infila nel bosco. Un divertente single track (in estate può risultare difficoltoso causa la vegetazione) esce su un prato attraversato il quale si incontra l'asfalto che sale verso la cima.



In questa seconda variante l'accesso avviene dopo aver percorso la valle del Versa (Birsa in sloveno). La sterrata che la percorre, inizialmente in piano, negli ultimi km sale verso Kojsko. Una ripidissima e stretta stradina porta sull'altura alle spalle del borgo dominata dalla chiesa di Santa Croce (Sv. Križ na Taboru) il cui campanile era a suo tempo la torre di una fortezza. Uscendo dal paese in direzione N, sulla destra una ripida rampa di alcune centinaia di metri (asfaltata sino all'ultima abitazione, poi sterrata) consente di raggiungere la strada asfaltata che ci porterà al rifugio sloveno sotto la cima del Sabotino. Al primo bivio si procede a sinistra e subito dopo a destra, si attraversa una zona di splendidi pascoli, si raggiunge un rifugio, lo si tiene alla nostra destra e, dopo alcune centinaia di metri, si percorre un divertente single-track in mezzo al bosco dal quale si esce su uno splendido prato.